Mertens, n incognito offre le pizze ai senzatetto di Napoli

Non è la prima volta che  Dries Mertens è solito a questo già in un’altra occasione al ritorno di una trasferta notturna di dicembre. L’aereo con la squadra era appena atterrato da Torino e Mertens chiamò al telefono due dei suoi più cari amici napoletani: «Vediamoci, compriamo pizze Margherita e le portiamo a chi ha fame e vive in strada. Fa molto freddo». Ed ecco che in meno di un quarto d’ora Dries era alla Stazione di piazza Garibaldi con tante confezioni di pizza. Ben mimetizzato, certo. Non aveva voglia di essere riconosciuto. Non cercava notorietà ulteriore, nè titoli sui giornali. Voleva regalare un sorriso, dare calore ai più bisognosi di una città che lo ha adottato e che nelle occasioni pubbliche ha creato attorno a lui una culla di calore e solidarietà.
Cappellino e occhiali scuri, Dries le ha comprate tante altre volte le pizze per i clochard, andando in diverse zone di Napoli. Lì dove gli invisibili sfidano freddo, gelo e negli ultimi giorni anche neve. Nei giardini di via Posillipo, sotto ai portici di Chiaia: il campione napoletano del calcio è un benefattore molto speciale. Nei luoghi dove quasi nessuno lo riconosce, sotto la visiera di un cappellino azzurro, dove nessuno si sognerebbe di chiedergli un selfie. Nel silenzio della notte Mertens festeggia così le sue vittorie.i regalandosi  momenti di gioia con  amore e nella carità verso coloro che sono nella povertà materiale e nell’indifferenza di tanti.

Nello stadio ci  sorprende, nella sua vita personale ci sbalordisce per il suo grande cuore. Dries Mertens è l’uomo (non il calciatore) che non ti aspetti. Da esterno è diventato centravanti del Napoli da trenta gol a stagione. Ma scorgerlo tra i senzatetto della città, a tagliare e distribuire tranci di pizza, è una scena che riempie gli occhi e riscalda l’anima. Senza voler dare per forza un significato eccezionale a un gesto di solidarietà che per tanti volontari è anche normale, soprattutto in queste ultime notti di neve, ma che il pizzaiolo di fiducia dei clochard sia un ragazzo non qualunque di nome Dries (ribattezzato Ciro dai napoletani) fa un certo effetto.

Lascia un commento