Il Napoli accelera per Herrera;Higuain? LIVERPOOL , arriva la smentita

 

Un lavoro estenuante. Una guerra di nervi contro il Porto, il Valencia, ora anche contro il Liverpool che pare stia per presentare un’offerta ufficiale al club lusitano. E anche contro lui stesso, l’oggetto del desiderio: perché Hector Herrera, obiettivo del Napoli per regalare al centrocampo qualità, spessore e personalità in vista della Champions, ha pensato bene di mettersi a fare subito il fenomeno in Coppa America, facendo così ridere di gusto chi dalla sua cessione dovrà trarre benefici.

Messico-Uruguay? Forte e chiaro il segno di Herrera sul 3-1: partita super coronata dal terzo gol e dalla giocata decisiva sull’autogol del vantaggio. Altro? Beh, basterebbe questo, ma ieri dalle sue parti è arrivata anche la voce che il Porto non avrebbe intenzione di venderlo nel corso della Coppa. Nel frattempo, i fatti: il Napoli alzerà la prima offerta di 15 milioni di euro, presentando una serie di bonus facilmente raggiungibili. I Dragoes chiedono più di 20 milioni.

La volontà del giocatore potrebbe essere decisiva. Il messicano ha già un accordo col Napoli. Nessun problema neanche sui diritti di immagine. De Laurentiis e il suo procuratore si sono già incontrati a Roma e insieme stanno cercando di convincere la ricca boutique del presidente Pino Da Costa.

Iniziano però ad arrivare le prime smentite: la prima è del portaleLiverpool Echo che conferma come Klopp sia negli Stati Uniti per una vacanza in famiglia e non per curare personalmente il mercato del Liverpool. Un discorso ancora molto aleatorio, considerando che avrebbe potuto approfittare comunque dell’occasione per visionare il Pipita.

Il dato che però mette ancor più tutto in discussione, riguarda proprio il personaggio al suo fianco: sembrerebbe infatti, che abbia visto con lui la gara non Nicolas Higuain bensì il figlio Marc, molto simile nei lineamenti al fratello ed agente del Pipita. Uno scambio di persona per alimentare i rumors insomma, con una trattativa che dall’Inghilterra sarebbe molto gradita ma che, fattivamente, per potere economico del club inglese resta sempre meno concreta.

Lascia un commento