Sarri è stato accontentato, arriva un top player

Maurizio Sarri può finalmente sorridere, il pesidente De Laurentiis lo ha accontentato. Si cercava un top Player per la Champions in grado di far fare il salto di qualità alla squadra.

Sarri è stato accontentato. Il suo nome circola in effetti dal mercato di gennaio, ma per ragioni di opportunità e di accordi tra le parti, il messicano Herrera era rimasto al Porto, il club che lo aveva scoperto e lanciato nel grande calcio.

Il Napoli, inoltre, a quel tempo, in piena corsa scudetto, aveva avuto timore di alterare gli equilibri della rosa con un innesto così ingombrante. Il ragazzo non ha mai nascosto di gradire la piazza, e adesso che il Messico è stato eliminato dalla Coppa America, le parti si sono definitivamente avvicinate.

521923448

Il Porto chiedeva 25 milioni, il Napoli l’ha spuntata per una cifra poco inferiore. 18 più cinque di Bonus.

Il Napoli, nell’attesa, aveva provato a seguire diverse piste, tutte sfumate per una ragione o per l’altra, pur senza mai perdere di vista il messicano che restava una delle soluzioni più gradite da Maurizio Sarri.

Le sue caratteristiche sono sostanzialmente quelle dell’uomo di corsa, ma dispone anche di piedi discreti e del fiuto del goal.

Sicuramente è uno di quegli acquisti, in grado di garantire il salto di qualità ad una rosa già competitiva, ma a cui s’impone di colmare il divario con la Juventus.

Sarà quindi opportuno, non solo trattenere quei tredici, quattordici, elementi che Sarri già considerava titolari la scorsa stagione, Lopez escluso, ma prendere almeno un altro paio di giocatori di questo livello, soprattutto se, come sembra sia inevitabile, Valdifiori e soprattutto Manolo Gabbiadini, siano in cerca di nuova destinazione.

Per questo motivo sarà necessario almeno un altro innesto in mezzo al campo e almeno uno in attacco, un giocatore d’area che ha caratteristiche diverse da Higuain e che gli si possa affiancare in caso di necessità.

Gli azzurri non affrontano la massima competizione europea per la prima volta, la dirigenza dovrebbe sapere quanto sia dispendiosa e quale impatto può avere sul campionato. Le ultime volte la squadra è andata in contro a prestazioni assai altalenanti. Sarà davvero importante non ripetere lo stesso errore.

la redazione sportiva

Lascia un commento